Login
Pubblicato da
Luca Mesini
il 20 aprile 2017

Paul McCartney del IV tipo

Oggi ci sconvolgiamo le particelle riandando a pescare “quel che non ti aspetti” da uno dei più grandi musicisti e “scrittori” di musica pop-rock del secolo scorso: Sir James Paul McCartney.

Ebbene sì: è Paul :) E suona ancora molto bene, come brano musicale... da giocarci la cravatta che anche il “Roger Sellers il giovane” si è ispirato a Lui (e a tanti come Lui).

Sicuramente, quest'uomo è un mitico e ha una storia così piena, ma così... PIENA! Perdinci, da non poter far altro che ispirarci a Lui ... e per una volta: essere sintetici, occupandoci solo di ciò che ha fatto – senza che qualcuno potesse immaginarlo.

Cioè: questo (McCartney II).

In piena rivoluzione musicale, Paul sperimenta con l'elettronica una vicenda di suoni che ricava dal primo brano sperimentale (Check My machine) che ne raccoglie appunto l'imprinting (brano che non sarà inserito nel vinile, ma uscirà come b-sides o consimilare).

Il disco, forse il secondo che ho comprato in vita mia (avevo circa 14 anni) è corredato da una serie di fotografie che ben intendono il clima casalingo nel quale il nostro compose tutto il lavoro, fra Linda, bambini e faccende domestiche.

Nella tipica dizione creativa sotto forma “canzone” ne esce fuori un disco pieno di brani sostanzialmente elettronici, simili a quel processo “made in home” che contraddistingue molte produzioni “indie”... fra campionamenti e registrazioni (credo anche delle voci dei bambini).

Basti ascoltare DARKROOM e poi (come vedremo, a proposito di produzioni “strange”, il lavoro che lo ripropone 25 anni dopo nel creativo mix ralizzato con il DJ e amico Freelance Hellraiser (Roy Kerr).

Stessa operazione per lo stranissimo (e creativamente luminare) “Temporary Secretaty”, qui nell'edizione “Twin freaks” :)

A proposito... sopra abbiamo ascoltato (...forse: non dovrei essere così ottimista...) “COMING UP” che 25 anni dopo suona molto bene (nell'edizione Twin freaks”) e con un doppio riferimento, ovvero sia quello di “Coming Up” originale di questo disco che dell'ottimo brano inserito in uno dei lavori capisaldo d'Inghilterra, cioè LONDON TOWN, nel brano Morse Moose And The Grey Goose :)

Oltre ai stupendi (se siete artisti creativi e di tutti i generi musicali amate molto anche i Matia Bazar versione “Vacanze Romane” e new-wawe) brani creativi (Frozen JAP) troviamo anche escursioni tradizionali (per quanto elettonicizzate) tipo il boogie-boogie alla Presley e la ballata romantica WATERFALLS – che nel moderato utilizzo della strumentazione, pare veramente il tipico e classico brano alla Paul McCartney. Fa il verso a questo brano anche la ninna nanna Summer's Day Song e la ballata per chitarra acustica ONE OF THESE DAY (diciamo: un trittico romantico, indubbiamente) e “normale".

MA SIAMO QUI PER FAR GLI STRANI e quindi continuiamo pure: FRONT PARLOUR – mentre ci rimettiamo al tipico rock and roll McCartnesiano con il tradizionale (invece) On the Way.

SECRET FRIENDS per chiudere in bellezza sulle stranezze che uscirono insieme ai primi esperimenti, nelle B-sides.

SUGLI ESPERIMENTI DEL IV tipo risultano invece più atipici (e stanchi) o semplicemente meno originali e brillanti gli ELECTRIC ARGUMENTS e RUSHES.

Mentre chiudendo come abbiamo aperto... val ben dire che tutti i brani di questo lavoro sono ottimi (ma anche molto simili).

 

CAMEI McCartneniani

Pare sia il singolo più venduto in Inghilterra: Mull of Kyntire è uscito come lavoro al seguito del bell'album che citavamo sopra poc'anzi, ovvero LONDON TOWN, ancora oggi scrigno di ottime perle verde gran bretagnese :) Se avete anche nostalgia delle immagini (e volete rivedere Paul & Linda) ecco il video promozionale che integra tutta la canzone... un disco classico, arrangiato in maniera fantastica, con ottimi brani e penultimo dell'avventura WINGS (che potremo dire, quindi, del dopo Beatles).

Anche in questo caso, forse il terzo disco che ho comprato – al tempo gli LP erano ricchi di libretti impaginati a punto metallico e poster e animavano la fantàsica dei bambini come oggi succede tutto su youtube. Fra una cosa e l'altra, il bridge che ha collegato la trasformazione è stato forse proprio MTV.

Questa breve premessa (BACKWARD TRAVELLER) da un minuto e venti introduce al brano CUFF LINK. Suoni che profumano di una dimensione stante al nostro personale fantastico immaginario di Londra e dintorni... che ha comunicato l'antica Roma come almeno sono riusciti a fare benissimo Goscinny e Uderzo (con Aterix)... ;) E non scherzo.

Se permettete, veloce ricerca dei brani:

CHILDREN CHILDREN

FAMOUS GROUPIES

DELIVER YOUR CHILDREN

GIRLFRIEND

WITH A LITTLE LUCK (suonare, suonare, saper suonare... e scriverle, certe canzoni...).

Gli altri li abbiamo già menzionati sopra.

Ovviamente Paul McCartney (tolta la rivoluzione con i Beatles, discorso a parte ed emblema catartico de la potenza che in seno porta in dote gioventù) ha scritto canzoni molto famose, tutte ovviamente anche molto orecchiabili. Fra queste potremo citarne alcune:

magari non così famosa – ma tipica come ballata, la mettiamo perché riporta a un argomento molto caro agli inglesi, cioè il TEA (english tea, con un intermezzo al flauto stile Amazing Blondel).

JENNY WREN (story).

DANCE TONIGHT (story). in questa versione filmata il brano inizia circa dopo due minuti... per sentirlo subito andate, invece, qui :)

Per la serie grandi successi internazionali (e in coppia) ovviamente Ebony & Ivory con Stevie Wonder (story).

SAY SAY SAY con Michael Jackson (story).

No More Lonely Night (story).

Naturalmente... MY LOVE (story).

Manco a chiederselo... GOODNIGHT TONIGHT (story).

Con un bel filmato familiare, Uncle Albert / Admiral Halsey (story).

C'Mon People (story).

Finiamo con SILLY LOVE SONG (story) si cui esistono anche varie cover, scegliamo quella di Shirley Bassey :)

Buon ascolto.

PARENTESI Classica

Paul McCartney si è cimentato più volte anche nella musica colta, o classica. Aspetto che sinceramente conosciamo poco, si tratta del Liverpool Oratorio (che in questa breve appendice è in bilico fra la disney, il pop inglese e il musical, almen così ci pare...). Qui un breviario che riporta a queste conseguenze, dove sicuramente l'accento cade sull'orchestrazione di un tipico brano pop o ballata simile – naturale, sinceramente, tendenza di genere del nostro né potrebbe dirsi altrimenti.

Standing Stone (qui in spezzoni anche documentaristici).

E il più recente Ocean's kingdom, dove la verve classica pare anche più intensa, per quanto affine alla musica da film :)

Per concludere con quel che conia il suo motto: “Ecco il mio cuore...” :)

 

 

commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti
Giwaryner Giwaryner - 21/04/2017 - 13:41:11
Paul is the best!

Following

Followers


politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved