Login

Antonio De Rose

Artista - iscritto il 10 nov 2005

Luogo: IT

Email - derose54@libero.it

Sito web - www.antonioderose.it

Bio

http://www.malaspinarte.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1&Itemid=1&rel=nofollow





Beatrice Niccolai

IMPRONTA
dedicata ad Antonio De Rose

Hai occhi puliti che sfidano anche il cielo,
in quella calma che solo
la preziosità del tempo sà dare
e nella tenerezza di un inciampo
riconosci la fertilità del terreno.

Costante premura
quel tuo arginare silenziosamente
l'abbraccio che non svanisce,

ch'è della presenza
in e oltre l'indichiarabile Amicizia
certezza e riconoscenza.

http://www.equilibriarte.org/beatriceniccolai/blog/diranno-un-giorno

http://www.equilibriarte.org/beatriceniccolai/blog/nel-rosso-peccato-del-melo

http://independance.splinder.com/


Una poesia per Umberto Mazzone
http://www.equilibriarte.org/UMazzone/blog/a-chiusura-della-mia-personale-la-poesia-di-antonio-de-rose&reply=735683#comment_form




Eduardo Del Estal

Antonio: tu obra y, particularment "ooo" , irradian una belleza inquietante; la pasion de algo inminenete que va a ocurrir pero no ocurre. (Tal vez porque existe fuera del Tiempo). Se rquiere una sensibilidad muy particulae para capturar la fuerza de lo terrible en un mínimo de materia. El mismo sentimiento conmueve el ánimo al leer tus notbles poesias. Eduardo del Estal.
http://www.equilibriarte.org/eqmember/4587



Intrecci
http://it.youtube.com/watch?v=oTEzSwCt7Kk&rel=nofollow

I poeti di Equilibri
Augusto Marchetti Blog

http://www.equilibriarte.org/Augusto/blog/categ/i-poeti-di-equilibri




De Rose a Vincent

http://www.equilibriarte.org/pinguinartista/blog






-------


ALIVIO
(versione portoghese di SOLLIEVO, a cura di Claudia Vianello, Sao Paulo 16 Febbraio 2009)

Volta-se à uma água mortal
A vitória de um hálito
Para outra vida a urgência
É uma tímida borboleta

Aqui está o importante aviso que chega
Azul binário o modelo de uma porcelana

Sollievo


Si rivolge a un’acqua mortale
La vittoria d’un fiato
Per altra vita l’urgenza
È un timido papillon

Ecco l’importante avviso che arriva
Blu binario il modello di una porcellana






ASSIM NOS DIAS, REBUS
(versione portoghese di COSI' NEI GIORNI, REBUS a cura di Claudia Vianello, Sao Paulo, 21.11.08)

A minha frágil unha tem uma mancha
de fineza, ignoro a marca no pulso
Feita igual, do amor visível não há eco
nestas folhas dispersas que não lerás
tu, límpida e severa poesia em cilada
depois me aprisionas, e te apresentas informe
nunca nos perderemos

Pouco faz, aos meus companheiros que movem as caudas
(gatos das noites de vigília, mais jovens do que antes
nas colônias azuis roçam-se a uma borboleta)
te mostravas em cores do relâmpago longo
a mais longa escuta da vida, quimera
que até a mim te move

E em raios te derramavas como energia das descidas
rock and roll de um céu de obras, que muda e vai
cai e se agita se gira, punge de planos eternos
uma epopéia de passos, às vezes se comove cativante

Das alturas, regressa ao ar a águia mas é tal, voz borboletinha
que leve se comprime ao redor do meu pescoço, macia
não a escondo jamais sobre a ponta da língua



COSI’ NEI GIORNI, REBUS

La mia fragile unghia ha una macchia
di finezza, ne ignoro l’impronta sul polso
Fatta uguale, d’amore visibile non ha eco
su questi fogli sparsi che non leggerai
tu, limpida e severa poesia in agguato
poi mi serri, e ti affacci informe
non ci perderemo mai

Poco fa, ai miei compagni che muovono le code
(gatti delle notti di vigilia, più giovani di prima
nelle colonie blu si frusciano a un papillon)
ti mostravi in colori del fulmine lungo
il più lungo ascolto della vita, chimera
che fino a me ti muove

E in lampi ti rovesciavi come energia delle discese
rock and roll d’un cielo d’opere, che muta e va
cade e si agita s’aggira, punge di tracciati eterni
un’epopea di passi, a volte si commuove accattivante

D’altezza, ritorna in aria d’aquila ma è tale, voce farfallina
che leggera mi si stringe intorno al collo, morbida
non la nascondo mai sulla punta della lingua

[ Antonio De Rose ]



ab initio

non vedi come tutto
nel teatro si chiude in ritrattistica
fulminea esibizione del tempo udibile e smorto
non vedi d’imbelletto
la corrusca e gestante passione rarefatta
non di un giorno
e del suo lento sanguinare dietro un soffio
abbandoni il parto già lontano
di strane cose
potrai sorridere di più contarne i seducenti
brividi casuali e un mormorio
trionfale invano accetti come un ghigno
qual che dama reciti

da MONUMENTUM, dieci poesie di maggio
Antonio De Rose


ab initio

Não vês como tudo
no teatro termina em retratística
fulmínia exibição do tempo audível e amortecido
não vês maquiada
a brilhante e gestante paixão rarefeita
não de um dia
e do seu lento sangrar atrás de um sopro
abandonas o parto já longínquo
de estranhas coisas
poderás sorrir mais contar os sedutores
calafrios casuais e um murmúrio
triunfal inutilmente aceitas como uma chacota
cuja dama representas

Versione portoghese a cura di Claudia Vianello, Sao Paulo, 9 Novembre 2008


CERCO TE STESSA

Sei dorso dalle lunghe mani
una goduria

Pallida t’apri grande
quanto povera di te
perpendicola forma
decisamente solare

Rara visione dell’atto che muore
in sentimento

Antonio De Rose







PROCURO-TE

És dorso de longas mãos
um gozo

Pálida te abres grande
quanto pobre de ti
perpendicula forma
decisamente solar

Rara visão do ato que morre
em sentimento

Versione portoghese di Claudia Vianello
Sao Paulo, 1 Maggio 2007








E’ IL CASO

Per il contatto in caso d’amplesso, e per
L’esempio più sofferto a un orologio
Sia dato quel respiro d’ altra provenienza
Immortale, morbida entità, insomma tutti
Lo capiscano, si gioca per la forza di lancette
Le notti a perdere le rime, e le felici colpe
(L’estasi)

A.D.
17.2.07


É O Caso

Para o contato em caso de amplexo, e para
O exemplo mais sofrido a um relógio
Seja dado aquele respiro de uma outra proveniência
Imortal, macia entidade, em suma todos
Entendem-no, joga-se por força dos ponteiros
As noites a perder as rimas, e as felizes culpas
(O êxtase)

Versione portoghese a cura di Claudia Vianello
Sao Paulo, 16.3.2007
__________
__________

La Bella Fuga è un vecchio albergo
Qualcuno davanti al suo fiato
Vi dice il mio dolore, di quella pena
Che non abbandoneremo

A.D.
30.08.06

A Bela Fuga é um velho albergue
Alguém diante ao seu respiro
Vos diz a minha dor, daquela pena
Que não abandonaremos

Versione portoghese di Claudia Vianello
Sao Paulo, 17.3.07


VISIONE

Che grandi novità
Prende fortuna da parte
L'opera
Resiste al personaggio
Oziosa
In un frammento

Visão

Quais grandes novidades
Chama fortuna à parte
A obra
Resiste à personagem
Ociosa
Em um fragmento

Versione portoghese a cura di Claudia Vianello, Sao Paulo 4.2.07


ATOS

Tempo atrás na infância, a curto
De inquietude (nunca a tive)
Eram dez da manhã, todos
Todos sobre a neve (é feita de sonho)
Eu pensava, quando não tenho nada
Te penso

Longa vida alta murchava, é junho
Saturno amor (guia-me com voz)
É a fome de lugares o sabem , todos
Todos supresos (tinha feito fogo)
A paisagem a erva do outono
Te procuram

Logo se esconde, uma chusma
Passa o pranto (trata-se de destino)
A que serve o despeito, de todos
Todos somente (o querer é breve)
Os meus olhos após os teus olhos
Obtém por ti

Versione portoghese di ATTI, a cura di Claudia Vianello
Sao Paulo
1.1.07


ATTI

All’indietro nell‘infanzia, a corto
Di inquietudine (non l’ha mai avuta)
Erano le dieci del mattino, tutti
Tutti sulla neve (è fatta di sogno)
Io pensavo, quando non ho nulla
Penso a te

Lunga vita alta sfioriva, è giugno
Saturno amore (guidami con voce)
È la fame di luoghi lo sanno, tutti
Tutti stupiti (aveva fatto fuoco)
Il paesaggio l’erba dell’autunno
Cercano te

Appena si nasconde, un’orda
Passa il pianto (si tratta di destino)
A che serve il dispetto, di tutti
Tutti soltanto (il volere è breve)
I miei occhi dopo i tuoi occhi
Ricavano per te

Antonio De Rose
12.12.06
°°°
IL MIO CORPO DA MAGIE

Il giovane ponte e l’orsa
Voglio un cibo perfetto
Uguale al mio corpo da mangiare
Metafora di un corpo naturale

E non si trascenda e discuta
Nessuno è invitato
Né venga a guardarmi negli occhi
Detta la mente

Il giovane del ponte e dell’orsa
Se non altro il mio gatto
Si sono rimessi in fila
"Ancora… Ancora"

Antonio De Rose
29.11.06

O Meu Corpo de Magias

A jovem ponte e a ursa
Quero um alimento perfeito
Igual ao meu corpo a ser consumido
Metáfora de um corpo natural

E não se exceda e discuta
Ninguém é convidado
Nem me venha a olhar nos olhos
Disse a mente


O jovem da ponte e da ursa
Se não outro o meu gato
São remetidos em fila
"Ainda...Ainda"

Traduzione in portoghese di Claudia Vianello
Sao Paulo
30.12.2006

GLORIA

Per Hina

A volte si staccano in tanti
E far sembrare il resto più numeroso
È misura d’angoscia, lo schiaffo
Già sconta il momento usurpato
Gloria, macchiata di sangue

Cresce il respiro, sarà la forza regina
A morire, sul divieto non scritto
La fine in ascolto a parola conclusa

- Quale, padre? Non avere paura
Hai memoria di un dolore che è immenso
Che non hai mai sentito? Invisibile, mio





21.08.06


GLÓRIA

Para Hina

Às vezes retiram-se em tantos
E faz parecer o restante mais numeroso
É a medida da angústia, o bofetão
Já paga o momento usurpado
Glória, manchada de sangue

Cresce a respiração, será a força rainha
A morrer, sobre o proibido não escrito
O fim a ouvir a palavra concluída

-Qual, pai? Não tenha medo
Tens lembrança de uma dor que é imensa
Que nunca tenhas sentido? Invisível, meu


Traduzione in portoghese di Claudia Vianello

São Paulo, 21.08.06







============================================
============================================
============================================
La Bella Fuga è un vecchio albergo
Qualcuno davanti al suo fiato
Vi dice il mio dolore, di quella pena
Che non abbandoneremo

A.D.
30.08.06

Ora mi toglie parole questa stanza. Il profumo di gente passata non c'è. Le stanze d'albergo sono false, non lasciano tracce.
Francesco Arleo
(su segnalazione di Rodolfo Cubeta, 02.09.06)

le stanze d'albergo
sono rifugi per cani randagi...
tozzi di pane ammuffito masticati in fretta

neppure il sapore ricordo...

le stanze d'albergo
sono gracili nidi
un colpo di vento e non ricordi più il sapore

Elena Faralli
02.09.06

ma... ad occhi chiusi... in silenzio... riesci ancora a sentire chi prima di te ha amato con passione, pianto amare lacrime o riso con allegria e sussurrato parole che solo nelle stanze d'albergo si possono dire

Michela Battagello
15.09.06

commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti
Silvia Vari - 15/10/2013 - 19:32:32
Un sorriso... ciaooo, Antoniooo!!!
Antonella Iurilli Duhamel - 20/08/2013 - 12:34:33
ciao Antonio, mi spiace moltissimo!
Enzo Correnti - 19/08/2013 - 08:55:41
Ciao aNToNio, SeMBRa STRaNo a DiRSi Ma io Lo DiCo Lo STeSSo... è STaTo uN BeL FuNeRaLe!!!
eRaNo PReSeNTi TaNTi aMiCi CHe Ti HaNNo VoLuTo BeNe VeRaMeNTe, La Tua CoMPaGNa CRiSTiNa, i Tuoi PaReNTi VeNuTi Da LoNTaNo, L'aRTe, La PoeSia, i CoMPaGNi aNaRCHiCi CoN La BaNDieRa DeLL'aNaRCHia, La MuSiCa e PeRCHè NoN DiRLo C'eRa aNCHe L'uoMo CaRTa CHe Ha VoLuTo DaRe iL Suo uLTiMo SALuTo CoN La Sua CaRTa e PaRLaNDo uNa STRaNa LiNGUa CHe TaNTo Ti DiVeRTiVa...
Enzo Correnti - 19/08/2013 - 08:55:36
Ciao aNToNio, SeMBRa STRaNo a DiRSi Ma io Lo DiCo Lo STeSSo... è STaTo uN BeL FuNeRaLe!!!
eRaNo PReSeNTi TaNTi aMiCi CHe Ti HaNNo VoLuTo BeNe VeRaMeNTe, La Tua CoMPaGNa CRiSTiNa, i Tuoi PaReNTi VeNuTi Da LoNTaNo, L'aRTe, La PoeSia, i CoMPaGNi aNaRCHiCi CoN La BaNDieRa DeLL'aNaRCHia, La MuSiCa e PeRCHè NoN DiRLo C'eRa aNCHe L'uoMo CaRTa CHe Ha VoLuTo DaRe iL Suo uLTiMo SALuTo CoN La Sua CaRTa e PaRLaNDo uNa STRaNa LiNGUa CHe TaNTo Ti DiVeRTiVa...
Tutti i commenti (464)
politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved