Login

Antonio Summaria

Artista - iscritto il 23 apr 2007

Luogo: cosenza - (CS) IT

Email - ansum@virgilio.it

Bio

Antonio Summaria con il maestro Ibrahim Kodra e lo scultore (in piedi)Hevzi Nuhiu


Autodidatta.Nel 1947 Antonio Summaria nasce a Cosenza, città nella quale risiede ed opera dopo aver a lungo vissuto in Sud America. In seguito all’emigrazione di tutto il nucleo familiare, vive a Buenos Aires dal 1949 al 1971 e qui viene a contatto con una realtà sociale particolarmente difficile che culmina nella tragedia dei “desaparecidos” ma che determina, comunque, il suo incontro con il calore ed il profondo senso di umanità di un popolo nel quale trova profonde ispirazioni per la sua “pittura”.
Da questa realtà, inoltre, scaturiscono il suo impegno sociale e la sua ricerca artistica.

(“… l’artista è dentro al policromaticismo senza fine. Là dentro non morirà mai. Chi guarda vede tanto soffrire, lo percepisce, lo tocca. Infine se ne libera, conoscendolo. È un percorso conoscitivo quindi straordinario” Antonietta Cozza).

Per un breve periodo torna in Italia, visita le più importanti città d’arte ed è profondamente influenzato dalle nuove tendenze che caratterizzano i movimenti artistici del periodo.

Costretto ad emigrare per la seconda volta, si reca in Germania in cerca di lavoro, e viene a contatto con una realtà molto diversa da quella latinoamericana maturando quel “senso” di intensità artistica che caratterizza la sua ricerca e rinsaldando i suoi legami con l’arte astratta informale “conferendo alle sue opere il carattere di incisività e di forza che diviene l’elemento cardine della sua ricerca, il colore diventa protagonista assoluto, concentrando al suo interno ogni valore di forma e di composizione”(Dal catalogo Solstizia).

Lascia la Germania nel 1974 per ritornare definitivamente nella sua città natale.

Partecipa nel 1989 alla Expo Arte Internazionale di Bari, con la mostra collettiva “Le vie dell’astrazione” a cura di Tonino Sicoli (“...tenta la tridimensionalità appena sotto la superficie del colore: resine trasparenti con materiali incastonati nella colata di pigmento danno all’opera il sapore di un’ambra, delicata e dura, luminosa e lavica”).

“Nella pittura di Summaria l’elemento onirico si affaccia, con prepotenza, attraverso una forma immaginativa, percettiva di incisiva intuizione …. Ci propone una lettura libera e fantasiosa, essenzialmente giocata sul fascino leonardesco della percezione delle macchie” Franco Gordano).

“L’opera, di forte impatto, di Antonio Summaria, artista cosmopolita, convoglia nella pittura, i colori di molti viaggi e di molti soli, ovvero del Sole unico visto da angolazioni e siti diversissimi della grande Terra e della nostra condizione di uomini” (Matilde Tortora)

Vive la sua attività in piena sintesi con la sua vita sociale, ritenendo fondamentale per l’artista in genere il valore del radicamento alla propria realtà ed al suo impegno nella ricerca artistica.

“…ci sentiamo, in qualche modo , padroni e signori dello stare su questa Terra e di dominare il Pianeta. Tale certezza manca completamente, radicalmente, coraggiosamente, a Summaria, che risponde, forse polemicamente (ma il tratto, credo, è suo motivo radicato e profondo, non occasionale né specioso) con la “percezione” (oscillazione sensitiva e non “calore” di un sicuro sentire, in particolar modo “affettivo”)” (Antonio Barbieri, Maree, 2001).

Partecipa a diverse manifestazioni e realizza esposizioni personali e collettive sia nell’ambito cittadino che in altre regioni d’Italia.

A Cosenza, in particolare si ricordano tra le più recenti:

“Il Futuro alle spalle” - Casa delle Culture di Cosenza – 2001
“I percorsi della percezione” – Il Graffio - 2001
“Dal sottosuolo” – Festival delle invasioni di Cosenza - 2001
“Solesud” – Il Graffio – 2002
“19 Artisti per la pace” (Mostra di solidarietà per Emergency) – Il Graffio - 2002
“L’angelo” – Il Graffio - 2003
“Evento d’Arte”, in occasione della Chiusura Diocesana VIII Centenario della morte
del Servo di Dio Gioacchino da Fiore – Palazzo Arcivescovile di Cosenza – 2003
“Solstizia” – Cattedrale di Cosenza – 2003
“Il Cerchio della Vita” (Lo zodiaco nell’arte) – Il Graffio - 2005
"Il Graffio per tutti" - Il Graffio - 2005
“Graffi Contemporanei” – Museo Civico di Celico – 2006
"San Valentino" - Il Graffio - 2006
"Empatia: La chiave di Edith Stein" - Casa delle Culture - 2006
"Arte in affitto" - Il Graffio - 2007
"L'acqua" il colore della vita -Il Graffio -2007


commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti
Tago Franceschi - 18/06/2013 - 10:50:59
Grazie... ^^
Braik Tiberiu - 17/06/2013 - 13:19:47
Grazie del benvenuto ! E buona arte !
Collettivo VV - 09/11/2012 - 07:48:08
Grazie e buon lavoro!!!
Museo Giuseppe E Titina Dal Verme Di Zavattarello - 23/10/2012 - 17:40:40
Grazie del benvenuto :)
Tutti i commenti (250)
politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved