Login
pagina 48 di 54

"Ferrario 1919"

Tecniche per l'arte - Aperto da: - 27.07.2016 18:55
post visto 32727 volte
Utente disattivato
#264773 13.02.2017 09:14

Complimenti  per la pazienza Alessandro !

 

Fra l'altro mi pare di ricordare ( visto nell'altro forum) che Angelo  ha grandi capacità  anche come pittore  e realizza delle belle nature morte !  Casomai ne avesse voglia ,chiedigli di iscriversi su equilibriarte ;la sua conoscenza tecnica  sarebbe utile.

Avete  fatto un gran bel lavoro !

Io fortunatamente ai  Ferrario 1919  ci son arrivato per caso avendo trovato un rivenditore che li aveva appena erano usciti.

 

 

 

 

#264780 13.02.2017 20:07

Proseguo idealmente l'intervento di Alessandro che mi ha messo in contatto con Angelo al quale abbiamo mandato tutti i Ferrario 1919 . Dopo un paio di giorni li aveva tutti stesi e dopo 15 gg ha fatto la prima lettura di tutti i colori, mi ha mandato i risultati e francamente mi hanno entusiasmato. Nel frattempo poi ho conosciuto anche il prof. Kovacs e si è parlato dell'eventualità di collaborazione tra la Ferrario e l'Università di Brescia dove lui insegna, anche lui ci ha dato molti consigli e spero che la collaborazione vada in porto.

P.S. Il nero avorio ad esempio della Rembrant al confronto del Ferrario sembra grigio, Alessandro è una mia impressione o me lo confermi ? Ho preso l'esempio meno interessante forse ma per me il nero è importante.

Utente disattivato
#264781 13.02.2017 20:19
Mario, in questo caso parli del nero, ma quando ragioni sulle caratteristiche , ti riferisci esclusivamente al tipo di pigmento che usate nei 1919 che e' superiore rispetto a quello degli altri o alla lavorazione generale del prodotto ,legante compreso? Chiedo scusa se e' una domanda poco brillante
#264783 13.02.2017 20:21

Ho visto che Rembrant nel nero avorio usa nero avorio e blu oltremare , e questo francamente non lo capisco , poi anche i pigmenti anche se tutti e due neri avorio possono essere più o meno profondi.

Utente disattivato
#264785 13.02.2017 20:31
Ok quindi ai pigmenti e ai mescoloni sempre dei pigmenti, grazie Mario !
#264786 13.02.2017 21:14

Orpo! i neri di Ferrario li ho appena appena comprati e li ho stesi nei miei provini qualche giorno fa......aspetta, no! sono ancora freschiag

 

Scherzo naturalmente, domattina guardo giu' in studio con il programma rs2color gli spettri in questione (oggi non sono andato in atelierac).

Il bello di queste informazioni infatti e' quello che se ti serve vedere un colore e non lo possiedi, puoi intanto guardarne gli elementi colorimetrici piu' importanti, senza spendere mezzo euro. Poi ovviamente la consistenza della pasta, la seccativita' la reazione all'uso dei medium e le mille caratteristiche altrettanto importanti non le puoi vedere se non dal vivo con il colore sulla tavolozza.

Intanto pero' una idea molto precisa e differenziale sul colore te le fai al volo.

La riflessione che stiamo facendo fra noi oggi riguarda quale possa essere la maniera piu' efficace e semplice di comunicare questi dati sui colori. La realta' e' infatti parecchio tecnica, richiede conoscenze che non sono quelle tipiche del pittore o dell'appasionato medio, tuttavia almeno la sintesi io sono convinto che esista la possibilita' di divulgarla efficacementeay

 

@Luca: si, presentero'.....iersera si parlava proprio di quell'antico forum dove abbiamo ricordato insieme "vagabondavi"ag anche tu.

Utente disattivato
#264787 13.02.2017 21:36
Bisognerebbe aprire un' altra sezione 1919 dove mettere la foto del lavoro svolto da Angelo, quella con tutta la gamma. La foto e' utilissima per un consulto rapido, al momento non rirsco a ritrovare a che pagina e'.
#264791 14.02.2017 12:23

Eccomi qui con i risultati...ag effettivamente il nero avorio di Ferrario 1919 e' MOLTO ma MOLTO piu' nero di quello di Rembrandt.

Qui sotto c'e' un file dove ho incollato le schermate di rs2color con caricati rispettivamente il secondo ed il primo da sinistra. Si vede bene anche che cambiando l'illuminante e mettendone uno tipo lampada ad incandescenza il nero Ferrario resta nero mentre ovviamente l'altro inizia a riflettere lunghezze d'onda giallicce. Comunque il nero di Rembrandt anche con l'illuminante diurno standard (il C corrisponde alla luce molto forte diurna) e' un grigio scuro a fronte del nero Ferrario.

 

Questo e' un ottimo esempio su come possono essere utilizzati i dati, giacche il compratore che acquista e poi valuta facendo un provino, ammettendo che abbia anche un buon occhio, manca (normalmente) di termini di confronto e dunque finisce per non accorgersi di nulla.

Intendiamoci non sto affatto affermando che il nero avorio di Rembrandt sia un prodotto inferiore per questo fattore, tuttavia si puo' dire con tranquillita' che i due neri Ferrario e Rembrandt, pur chiamandosi commercialmente nello stesso modo, sono piuttosto diversi ed ora anche il perche' e come sono diversi.....

 

Per poter continuare l'analisi di questi due neri, ora si dovrebbe usare color2drop ed andare a verificare quale sia effettivamente il sottotono (mescolandovi il bianco) dei 2 colori. Questo per ora e' possibile solo per il Rembrandt perche' le rampe e la caratterizzazione del Ferrario 1919 e' ancora in corso e quindi non disponiamo del dato.

#264794 16.02.2017 23:10

Interessanti. Questi dati !!

#264895 21.02.2017 15:02

Per Mario: ho acquistato l'olio di noci Ferrario, al test che faccio sempre per i miei materiali si e' comportato in maniera MOLTO strana.

La seccativita' si e' dimostrata molto veloce, maggiore di quanto mi aspetto non solo da un olio semiseccativo come il noce ma addiritura maggiore (e di molto) a quanto avviene per il lino raffinato. Il test su vetro mi da meno di 5 gg. per una polimerizzazione iniziale (fuori polvere)!!!

L'ingiallimento praticamente zero.

Chiedo:

- lumi sull'accaduto

- una fornitura di un barile da 150 lt di codesto olioaf

Potrebbe forse essere un olio di noci spremuto a caldo e poi decolorato? Si spiegherebbero alcuni fatti allora. Da qualche parte Mimmo aveva affermato che mettete anche agenti seccativi in questo olio, me lo confermi?

In margine, che antifermentativo usate?

politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved