Login
L'articolo è presente anche nei seguenti linguaggi:
Inglese

L'opera d'arte del mese - Aprile 2017

Pubblicato da
Lorenzo Ciotti
il 02 aprile 2017
Il giuramento degli Orazi, di Jacques-Louis David

La colonna mensile Opera d'arte del mese compie un anno! Il nostro viaggio è infatti iniziato ad Aprile 2016. Per la prima uscita presi in analisi La Primavera, il celebre dipinto di Sandro Botticelli. A un anno di distanza, festeggiamo la nascita della nostra colonna con il giuramento degli Orazi, capolavoro assoluto di Jacques-Louis David.

Conservato al museo del Louvre di Parigi, l'opera può esser considerata il massimo lavoro del pittore francese, nonché la migliore espressione del Neoclassicismo nella pittura.

Il dipinto è liberamente ispirato alla leggenda romana. Per porre fine e decidere la guerra tra Roma e Alba Longa, gli Orazi, tre fratelli romani, si batterono contro i Curazi, tre fratelli provenienti da Alba Longa. Lo scontro fratricida vide un tragico epilogo, con uno solo dei tre fratelli romani tornare a casa e sancire la vittoria per il suo popolo.

Conforme ai canoni del neoclassicismo, il lavoro di David mostra la sua parte più onorevole e solenne, e non quella cruenta della battaglia. Gli Orazi, per la pace di Roma e per mettere fine alla guerra, decisero, rischiando la loro vita, di scender sul campo di battaglia.

Le influenze iconografiche del dipinto sono evidenti: l'Ab Urbe Condita dello storico romano Tito Livio, la tragedia Horace del drammaturgo francese Pierre Corneille. Per quanto riguarda lo stile dell'opera. L'artista in persona disse che la sua opera ebbe diverse ispirazioni.

Sulla destra del dipinto, i tre fratelli, ripresi in atteggiamento deciso, eroico. Al centro del quadro il padre, con le spade da dare ai figli, dopo il loro celebre giuramento ("o Roma o Morte" - nrd). Sulla destra, in un incredibile contrasto psicologico, le donne, una vicina all'altra, tristi per il destino che attende i tre uomini, ma che dignitosamente non cedono alla drammatica componete che si sarebbe potuta trovare in altre opere.

Dal punto di vista della prospettiva e della geometria, il dipinto è composto da una serie di diagonali, le quali dalla parte bassa convergono verso la parte centrale del dipinto, concentrandosi sul pugno sinistro del padre. I giochi di luce e ombra sembrano un retaggio dello stile di Caravaggio.

Potete trovare tutti le altre uscite della rubrica Opera d'arte del mese nel nostro magazine, digitando appunto: Opera d'arte del mese. Appuntamento a Maggio!

Argomenti

  • Pittura
  • Fotografia
  • Fashion & Style
  • Corsi e Concorsi
  • Video, Cinema e Musica
  • Illustrazione
  • Libri d'Arte
  • Tecnica
  • Mostre
  • Design

commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti
politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved